L'ANGOLO DEI GENITORI
 
 
Disturbi specifici dell'apprendimento
Come prevenirli o come aiutare un bimbo in difficolta'

ULTIMAMENTE SI PARLA SPESSO DI D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento): CHE COSA SONO?

L’espressione Disturbi Specifici dell’Apprendimento (D.S.A.) viene utilizzata per indicare le manifestazioni di particolari difficoltà con il testo scritto o da leggere e con la matematica in assenza di ritardo mentale. Abbiamo dunque a che fare con tutte quelle problematiche che non permettono al bambino di affrontare positivamente e con profitto l’apprendimento scolastico.Sempre più bambini e ragazzi, nel corso della loro carriera scolastica, presentano impacci e inadeguatezze negli apprendimenti. Tali difficoltà sono di diversa tipologia e possono manifestarsi con svariati gradi di intensità, incidendo sulle singole discipline oltre che sul rendimento scolastico in generale, arrivando a provocare in alcune situazioni anche problemi e disagi dal punto di vista emotivo-motivazionale.

Parlando di D.S.A. possiamo sinteticamente fare riferimento ai seguenti tipi di “disturbo”:-DISLESSIA: difficoltà nella lettura
-DISORTOGRAFIA: difficoltà nel tradurre in segni grafici (lettere/parole scritte) i suoni corrispondenti (con conseguenti errori ortografici)
-DISGRAFIA: difficoltà nella scrittura
-DISCALCULIA: difficoltà nel calcolo

Dal momento che tali difficoltà si manifestano in presenza di un normale (o a volte anche elevato) livello intellettivo, di un’istruzione adeguata, di un ambiente socio-culturale favorevole e di un’integrità neuro-sensoriale, non sempre risultano facilmente diagnosticabili, se non da specialisti opportunamente formati. Infatti a volte il problema, in presenza di bambini che apparentemente sono in possesso delle risorse per poter apprendere, viene attribuito a pigrizia, scarso interesse, mancanza di applicazione allo studio con relative ulteriori conseguenze sul bambino stesso. Inoltre è importante tenere presente che quando si fa riferimento ad un Disturbo di Apprendimento, l’interesse è fondamentale che si espanda fino a conoscere e cogliere ogni necessità del bambino, così da provvedere con interventi di aiuto volti alla globalità ed evitare qualsiasi intervento settoriale. Risulta poi auspicabile un approccio multidisciplinare in aiuto al bambino e alla famiglia che preveda la collaborazione di più figure professionali (neuropsichiatra infantile, psicologo, pedagogista clinico, psicomotricista funzionale, logopedista,…).

IN CHE MODO LA PSICOMOTRICITA’ FUNZIONALE E LA PEDAGOGIA CLINICA INTERVENGONO IN AIUTO AL BAMBINO CON DIFFICOLTA’ NEGLI APPRENDIMENTI?

Presupposto dell’intervento di aiuto è l’azione educativa “attiva” orientata ad ascoltare ed accogliere bisogni e tempi dei bambini e a dare significato e valore a ogni loro espressione così da procedere verso l’acquisizione di abilità e disponibilità ad apprendere. Si parte dal corpo e dalla corporeità per permettere al bambino di prendere coscienza di sé e della propria globalità. Le esperienze di aiuto vengono proposte in un ambiente accogliente, ricco di opportuni rinforzi positivi che danno modo al bambino di accostarsi agli apprendimenti scolastici in modo ludico e attraverso l’utilizzo del movimento, “vivendo” e “facendo esperienza motoria” di lettere e numeri e solo successivamente utilizzando il foglio e la biro.

QUALI ATTIVITA’ CONCRETAMENTE VENGONO PROPOSTE AL BAMBINO?

Durante gli incontri lo specialista attiva interventi educativi e psicomotori realizzando un progetto personalizzato avente specifici obiettivi funzionali e finalizzato ai reali bisogni del bambino. A seconda delle necessità vengono proposte e realizzate con il bambino esperienze volte, ad esempio, a migliorare la conoscenza e la padronanza del proprio corpo, sviluppare la coordinazione dinamica generale, la coordinazione fine delle mani e delle dita, la coordinazione oculo-manuale, prendere coscienza del proprio dinamismo respiratorio, controllare l’equilibrio statico e dinamico, conquistare l’orientamento spaziale e spazio-temporale, stimolare l’attenzione, ecc. Vengono inoltre proposte specifiche esperienze per l’espressione grafo-segnica, la realizzazione di una buona e fluida pressione dello strumento tracciante sul foglio, l’educazione al segno sono-grafico, ecc.

A QUALI METODI E TECHICHE FANNO RIFERIMENTO LA PSICOMOTRICITA’ FUNZIONALE E LA PEDAGOGIA CLINICA?

L’intervento educativo e psicomotorio a favore del bambino con difficoltà negli apprendimenti avviene attraverso un approccio olistico e corporeo (corpo e movimento) supportato da tecniche e metodologie proprie ed esclusive come ad esempio:
-BON GESTE per favorire abilità grafo-gestuali
-PRISMOGRAPH per educare al segno grafico
-WRITING CODEX per la codifica scrittoria
-EDUCROMO per il recupero della capacità di scrittura
-EDUMOVEMENT ed esperienze psicomotorio funzionali per lo sviluppo delle potenzialità organizzativo-motorie
-BON DEPART per la prescrittura
-COREOGRAFIA CORPOREA per la percezione del proprio schema corporeo, per la percezione e l’aggiustamento allo spazio e al tempo, per l’acquisizione di una adeguata lateralizzazione e dell’orientamento spaziale

PUO’ ESSERE UTILE ANCHE UN SUPPORTO AI GENITORI?

Un intervento di aiuto al bambino dovrebbe essere necessariamente affiancato da un supporto alla coppia genitoriale con l’intento di aiutare a far fronte alle difficoltà che si possono incontrare nella crescita del bambino, confrontarsi sugli atteggiamenti più costruttivi nella risoluzione dei problemi, restituendo alla mamma e al papà un ruolo attivo e partecipativo nel creare un giusto equilibrio familiare.

SI POSSONO IPOTIZZARE INTERVENTI PREVENTIVI IN AMBITO SCOLASTICO?

L’apprendimento di lettura, scrittura e calcolo, mette i bambini all’inizio della scuola primaria nella necessità di possedere particolari abilità di base (prerequisiti) che servono per lo sviluppo di abilità più complesse. Si evince quindi quanto sia funzionale prevedere anche all’interno della scuola dell’infanzia, e possibilmente anche durante il primo anno della scuola primaria, appositi percorsi e laboratori di psicomotricità volti a promuovere, potenziare e consolidare i prerequisiti di lettura, scrittura e calcolo.

STUDIO DI PEDAGOGIA CLINICA E PSICOMOTRICITA’ FUNZIONALE
Dott.ssa Alessia Galli                                                                                      

pedagogista clinico,

psicomotricista funzionale (Scuola J. Le Boulch),

counsellor

Prevenzione, diagnosi, interventi educativi e psicomotori

in aiuto al bambino e alla persona di ogni età.

Presso lo studio si realizzano:                                                                                   
-
Specifici interventi di aiuto individuali a favore di bambini e ragazzi                                   
con difficoltà scolastiche e disturbi dell’apprendimento;                                               
-Laboratori di psicomotricità funzionale e pedagogia clinica
Imparare… giocando per promuovere i prerequisiti scolastici
della letto-scrittura e le abilità logico-matematiche attraverso
l’educazione del corpo e il movimento.                                                                                                                   
Per bambini da 4 a 7 anni.

 

25/10/2012




 
 
I VOSTRI COMMENTI - 'PER COMMENTARE L'ARTICOLO CLICCA QUI'
NESSUN COMMENTO
 
   ARCHIVIO ARTICOLI
 
 
01/12/2015  Veleni sotto l'albero: attenti a stelle di Natale, candele e decorazioni
24/09/2015  EXPO MILANO
10/09/2015  Viaggio in famiglia: BIMBI SICURI
22/05/2015  Lavarsi molto bene le mani
12/05/2015  Libro di Poesie dei GRANDI CLASSICI per bambini
08/05/2014  L'ostetrica di Hollywood per le mamme di tutto il mondo
01/03/2014  Fratelli amici o rivali?
30/01/2014  Giochiamo con l'acqua...che arriva dal cielo !
03/10/2013  Seggiolino giusto, bimbo sicuro
18/03/2013  Gli incredibili benefici dell'Idrocolonterapia
25/10/2012  Disturbi specifici dell'apprendimento
20/09/2012  Come affrontare l'inverno in relax
11/08/2012  Dolori Mestruali e Nutrizione
04/07/2012  Estate al sole
24/06/2012  ABIO volontari in pediatria
26/05/2012  VISITARE CREMONA IN FAMIGLIA (senza lasciare a casa i piu' piccoli)
10/03/2012  Un po' di chiarezza in psicologia
20/02/2012  Una nonna tutta nuova
06/12/2011  L'economia puo' portare felicita'?
03/11/2011  Preziosissimi denti
25/10/2011  Halloween solidale
22/06/2011  Creme solari 'alla sbarra'
14/06/2011  Campagna della Fondazione Ariel
06/04/2011  Donna e trombosi: un binomio da spezzare
11/03/2011  Nuove armi contro le allergie
04/03/2011  Da donna a donna
11/02/2011  Mamma e Papa' leggono con me
10/01/2011  I bambini e il lutto
21/07/2010  Creme Solari per Bambini?
09/07/2010  10 regole d'oro
20/04/2010  Aiuta la 'cicogna' anche a tavola
03/03/2010  Prevenzione dei tumori: il ruolo dell'alimentazione e degli stili di vita
05/02/2010  Avvocati per i pi¨ poveri
09/01/2010  Come mangiano i nostri bimbi?
10/12/2009  L'Amore e' Questo
05/10/2009  Giochiamo con la musica: a casa e a scuola
22/09/2009  Idee per uno spuntino sano
15/06/2009  Bambini nella societÓ che cambia
02/06/2009  Confessioni di una mamma pericolosa
20/05/2009  Quando una mamma diventa il simbolo di un popolo
11/05/2009  Com'Ŕ la nuova legge contro lo Stalking
21/04/2009  LA differenza
08/03/2009  Leggere insieme: che bello!
04/02/2009  Ambiente sereno in famiglia
04/02/2009  Il relax delle piccole cose di un tempo
28/01/2009  Mamma e papÓ amici? No genitori
12/01/2009  Il Complesso di Edipo: teoria o realtÓ?
11/12/2008  MaternitÓ e Lavoro
29/09/2008  Una gravidanza serena e 'informata'
15/07/2008  Insonnia in gravidanza
13/06/2008  Consigli alla mamma high-tech "Ecco come proteggere i bimbi"
12/05/2008  I genitori influiscono pi¨ della TV sulla cattiva alimentazione dei bambini
08/05/2008  MAMMA
20/03/2008  La Carta dei Diritti dei bambini in ospedale
26/10/2007  Se desideri un bimbo preparati ad accoglierlo