L'ANGOLO DEI GENITORI
 
 
LA differenza
Come comportarsi quando i bimbi (a 3 anni) cominciano
a fare domande sui maschi e le femmine

Gli psicologi dello sviluppo collocano la vera e propria scoperta dell’identità maschile e femminile intorno ai 3 anni di vita. Già a un anno il bambino comprende che le persone si suddividono in maschi e femmine, sull’esempio di mamma e papà, ma solo a tre anni ne è veramente consapevole.

Quali sono gli “stereotipi sociali”, spontanei e indotti dalle abitudini sociali, che ci permettono di cogliere le differenze sessuali?

  1. Le preferenze per i giochi e per i giocattoli: a esempio, i maschi si impegnano di più in giochi di movimento, dove la fisicità ha un ruolo predominante e con giocattoli dalle caratteristiche “maschili”, quali costruzioni, armi, automobiline. Le femmine spesso si dedicano ad attività con bambole e colori, che riproducono mansioni tradizionalmente femminili o giocano con le costruzioni e le automobili, ma con un’impostazione diversa da quella maschile.
  2. La scelta di compagni dello stesso sesso: a partire dai tre anni, i bambini di norma prediligono amici dello stesso sesso, con cui hanno più affinità. Questa differenza prosegue e diventa più definita negli anni a seguire, fino alla pre-adolescenza e adolescenza, periodi che sono invece caratterizzati da un progressivo riavvicinamento.  
  3. Stili di relazione diversi: i maschi tendono a stabilire interazioni basate su forme di organizzazione interna al gruppo, con un capo e vari ruoli dei componenti. Nel gioco sono poi più diretti e a volte esprimono il contatto del corpo con gli amici con aggressività. Le bambine, al contrario, collaborano di più tra loro e sono più sensibili, controllate e comprensive.

 A tre anni il ruolo degli adulti è molto importante, perché sono un modello e il vero punto riferimento per il bambino.

I ricercatori ritengono che, fin dalla nascita, anche gli stili educativi dei genitori sono diversi nei confronti dei due sessi. Per esempio: le femmine sono più stimolate sul piano affettivo e verbale, i maschi vengono incoraggiati a esplorare e ad essere attivi all’interno del loro ambiente. L’impostazione dell’educazione è molto importante nello sviluppo dello stereotipo maschile/femminile.

Anche se negli ultimi anni gli stili educativi stanno lentamente cambiando, la madre è più forte e a volte ha un ruolo molto simile al maschio anche nella vita, è dunque un modello diverso per i suoi bimbi. I ruoli vanno sempre più sfumandosi.

 

Quale deve essere quindi l’atteggiamento del genitore di fronte ad un bambino che cresce e scopre la propria sessualità?

Sarà sempre la guida e l’esempio principale, per questo si consiglia di porsi in ascolto, cercando di comprendere la natura e l’indole dei propri figli.

Sin da piccoli, infatti, i bambini pongono domande semplici e sincere (ad esempio chiedendo come nascono i bambini, oppure perché i maschi siano fisicamente diversi dalle femmine….) che pretendono risposte altrettanto franche; mentre l’atteggiamento generale degli adulti è spesso quello di spaventarsi e di rispondere in modo evasivo.

E’ invece importante fermarsi ad ascoltare quello che il bambino ci sta chiedendo e sforzarsi di provare a rispondere in modo chiaro e sincero, perché l’atteggiamento sfuggente e la chiusura portano i piccoli a darsi da soli risposte, inibiscono le loro curiosità e gli trasmettono ansia, perché ciò che non comprendono chiaramente li spaventa.

E’ solo attraverso la presenza di una guida sicura che il bambino può creare un’immagine di sé e del mondo che lo circonda concreta e stabile nel tempo. Un atteggiamento che lo porterà a maturare affettivamente fino ad arrivare preparato e sicuro al periodo adolescenziale, perché cosciente di essere compreso, rispettato e di avere delle figure di riferimento stabili a cui appoggiarsi in tutte le età della vita.

 

Cristina Colombi

Psicologa dello Sviluppo

 

21/04/2009




 
 
I VOSTRI COMMENTI - 'PER COMMENTARE L'ARTICOLO CLICCA QUI'
  CRISTINA COLOMBI DI CREMA - CATEGORIA: ALTRO
PER FORNIRE UNA RISPOSTA PRECISA, MI SERVIREBBE SAPERE QUALI SONO GLI ATTEGGIAMENTI DA "ADULTA" CHE LEI MENZIONA NELL'INTERVENTO. I TRE ANNI COINCIDONO CON UN PERIODO DI ESPLORAZIONE NELLE TAPPE DI SVILUPPO DEI BAMBINI E QUINDI ╚ POSSIBILE CHE ESSI METTANO IN ATTO COMPORTAMENTI VOLTI A CONOSCERE MEGLIO IL PROPRIO CORPO (ANCHE LE PARTI PI┘ INTIME) E A SOLLECITARLO. NON LO CONSIDEREREI UN COMPORTAMENTO ALLARMANTE, N╚ DA ABOLIRE, PERCH╔ CREDO CHE PER LORO SIA SOSTANZIALMENTE UN GIOCO. LA COSA IMPORTANTE ╚ LASCIARE FARE IL BAMBINO E NON ENFATIZZARE QUELLO CHE STA FACENDO, IN MODO DA EVITARE CHE DIVENTI UN MEZZO ATTRAVERSO IL QUALE METTERSI IN MOSTRA). PER ULTERIORI INFORMAZIONI SONO A SUA TOTALE DISPOSIZIONE. DOTT.SSA COLOMBI CRISTINA"
  ANONIMO DI CSALETTO CEREDANO - CATEGORIA: BABYSITTER
MA ╚ POSSIBILE CHE I PICCOLI CERCHINO GI└ IL PIACERE FISICO???LA BIMBA CHE CURO IO (3ANNI) SPESSO HA ATTEGGIAMENTI DA "ADULTA"....UN PĎ MI FA STRANO...E NON SO COME SPIEGARLO ALLA SUA MAMMA...
 
   ARCHIVIO ARTICOLI
 
 
01/12/2015  Veleni sotto l'albero: attenti a stelle di Natale, candele e decorazioni
24/09/2015  EXPO MILANO
10/09/2015  Viaggio in famiglia: BIMBI SICURI
22/05/2015  Lavarsi molto bene le mani
12/05/2015  Libro di Poesie dei GRANDI CLASSICI per bambini
08/05/2014  L'ostetrica di Hollywood per le mamme di tutto il mondo
01/03/2014  Fratelli amici o rivali?
30/01/2014  Giochiamo con l'acqua...che arriva dal cielo !
03/10/2013  Seggiolino giusto, bimbo sicuro
18/03/2013  Gli incredibili benefici dell'Idrocolonterapia
25/10/2012  Disturbi specifici dell'apprendimento
20/09/2012  Come affrontare l'inverno in relax
11/08/2012  Dolori Mestruali e Nutrizione
04/07/2012  Estate al sole
24/06/2012  ABIO volontari in pediatria
26/05/2012  VISITARE CREMONA IN FAMIGLIA (senza lasciare a casa i piu' piccoli)
10/03/2012  Un po' di chiarezza in psicologia
20/02/2012  Una nonna tutta nuova
06/12/2011  L'economia puo' portare felicita'?
03/11/2011  Preziosissimi denti
25/10/2011  Halloween solidale
22/06/2011  Creme solari 'alla sbarra'
14/06/2011  Campagna della Fondazione Ariel
06/04/2011  Donna e trombosi: un binomio da spezzare
11/03/2011  Nuove armi contro le allergie
04/03/2011  Da donna a donna
11/02/2011  Mamma e Papa' leggono con me
10/01/2011  I bambini e il lutto
21/07/2010  Creme Solari per Bambini?
09/07/2010  10 regole d'oro
20/04/2010  Aiuta la 'cicogna' anche a tavola
03/03/2010  Prevenzione dei tumori: il ruolo dell'alimentazione e degli stili di vita
05/02/2010  Avvocati per i pi¨ poveri
09/01/2010  Come mangiano i nostri bimbi?
10/12/2009  L'Amore e' Questo
05/10/2009  Giochiamo con la musica: a casa e a scuola
22/09/2009  Idee per uno spuntino sano
15/06/2009  Bambini nella societÓ che cambia
02/06/2009  Confessioni di una mamma pericolosa
20/05/2009  Quando una mamma diventa il simbolo di un popolo
11/05/2009  Com'Ŕ la nuova legge contro lo Stalking
21/04/2009  LA differenza
08/03/2009  Leggere insieme: che bello!
04/02/2009  Ambiente sereno in famiglia
04/02/2009  Il relax delle piccole cose di un tempo
28/01/2009  Mamma e papÓ amici? No genitori
12/01/2009  Il Complesso di Edipo: teoria o realtÓ?
11/12/2008  MaternitÓ e Lavoro
29/09/2008  Una gravidanza serena e 'informata'
15/07/2008  Insonnia in gravidanza
13/06/2008  Consigli alla mamma high-tech "Ecco come proteggere i bimbi"
12/05/2008  I genitori influiscono pi¨ della TV sulla cattiva alimentazione dei bambini
08/05/2008  MAMMA
20/03/2008  La Carta dei Diritti dei bambini in ospedale
26/10/2007  Se desideri un bimbo preparati ad accoglierlo