IL BAMBINO
 
 
TV e PC: pericoli moderni
I bimbi hanno le stesse necessita' delle generazioni precedenti. Ma i moderni 'giocattoli' non le soddisfano. Parola di Pediatra

Indubbiamente le nuove tecnologie hanno cambiato la realtà di tutti noi, in modo particolare nella scuola e all’interno della vita familiare. Per tale motivo è necessario riflettere sui molteplici problemi psicologici che in un modo o nell’altro coinvolgono chi li usa; l’attenzione deve essere rivolta in particolare al mondo dell’infanzia  e, in tal senso, è necessario creare nuove tecniche di intervento e più efficaci modalità relazionali che soddisfino i bisogni intellettuali ed emotivi dei ragazzi, ponendo particolare attenzione alle misure di protezione obbligatorie nei confronti dei minori.

I messaggi trasmessi dai media (televisione, film, videogiochi, internet …..) esercitano un’influenza sempre maggiore sui comportamenti dei giovani, con il rischio di sostituirsi alla famiglia e alla scuola nella costruzione di valori e modelli di riferimento.

Il mondo delle tecnologie è molto affascinante ed eccitante per bambini e ragazzi che navigando su internet o a volte assistendo a programmi televisivi inadeguati alla loro età  possono avere disturbi psichici non indifferenti.

Fin dall’età della scuola materna i bambini vedono, in media, quasi 2 ore di televisione (TV) al giorno con un incremento progressivo negli anni della scuola elementare; è stata rilevata una maggiore esposizione durante il week-end e i giorni festivi. Con l’età, aumenta anche la percentuale di bambini che hanno la disponibilità di una TV nella loro camera, determinando di fatto un’assenza di controllo su ciò che scelgono di vedere e un maggior isolamento dal resto del nucleo familiare. Risulta che tra i 5 e 13 anni la principale attività dei bambini è guardare la TV (29% del loro tempo libero, che sale al 35% aggiungendo altri mezzi elettronici di intrattenimento), sottraendo spazio ad altre forme di svago (gioco, attività fisico-sportiva, lettura, rapporti con familiari e coetanei).

E’ importante sottolineare ai genitori ed agli educatori  che i bisogni fondamentali dei bambini d’oggi sono gli stessi di ieri. La diversità riguarda piuttosto gli strumenti a loro disposizione per accedere alla conoscenza e alla realtà che li circonda.  Chi si occupa di educazione deve relazionarsi con i bambini in modo creativo senza stabilire in anticipo ciò che deve succedere; lasciare spazio d’ascolto, è utile per capire cosa pensano i giovani e per stabilire un rapporto di fiducia preparandoli anche a eventuali pericoli insiti nella navigazione di internet. Andare in rete o chattare o usare il computer in modo inconsapevole è come mandare i figli fuori casa da soli senza prepararli ai pericoli che possono incontrare. Il pericolo principale è che si perdano per strada o che facciano del male o ancora peggio che qualcun altro faccia loro del male. Il computer e i videogiochi (playstation, nintendo), se male impiegati,  potrebbero rafforzare o ampliare il senso di onnipotenza già presente nella struttura infantile e intralciare la loro crescita, creare un senso di dipendenza, aumentare le confusioni tra il vero e il finto. La connessione on line più che una riorganizzazione del tempo libero, comporta una contrazione delle ore di sonno, come suggerito dal rilievo di una prevalente utilizzazione di internet nelle ore notturne.

I media possono togliere tempo allo studio, determinare uno stato di passività intellettuale, con riduzione del piacere alla lettura e, conseguentemente, dell’immaginazione, ridurre la capacità di concentrazione, indurre comportamenti impulsivi.

Ciononostante le nuove tecnologie sono utili e straordinarie per l’apprendimento, la comunicazione e per sviluppare anche la creatività; non vanno quindi demonizzate in blocco né i loro effetti sono ovviamente solo negativi. I genitori, gli educatori, i pediatri dovrebbero  sempre rilevare il tempo, le modalità di utilizzo e i contenuti dei media a cui sono esposti bambini e ragazzi, cercando di cogliere i possibili pericoli e “l’inganno” dei modelli proposti.

 

Dott. Alberto Chiara - Primario pediatria Ospedale Maggiore di Crema

 

05/12/2009




 
 
I VOSTRI COMMENTI - 'PER COMMENTARE L'ARTICOLO CLICCA QUI'
NESSUN COMMENTO
 
   ARCHIVIO ARTICOLI
 
 
11/06/2016  www.babyinviaggio.it
22/09/2015  TV E BAMBINI
08/05/2015  POCHE ORE DI SOLE, TANTA SALUTE
05/03/2014  ATTENZIONE AI MAGNETI
30/01/2014  Cuciniamo per gli uccellini?
08/09/2013  Le brutte sorprese del ritorno a scuola
01/07/2013  ESTATE PRUDENTE
27/04/2013  Allergie nei bambini e negli adulti
17/12/2012  Il pomeriggio dei piccoli 'scolari'
01/11/2012  Pettiniamo i pidocchi!
24/10/2012  Disturbi del linguaggio
27/08/2012  Zaini piu' leggeri
30/04/2012  ETCIU'! E' PRIMAVERA
18/02/2012  FREDDO INTENSO, GELO E NEVE
16/01/2012  Alimentazione giusta per crescere sani
28/12/2011  UNA CASA ACCOGLIENZA PER MAMME E BAMBINI A KABUL
24/11/2011  Psicomotricita': spieghiamoci meglio
04/08/2011  Dal Blog di una maestra
14/06/2011  La culla
18/04/2011  Il succhiotto: il piu' caro amico dei piccoli
14/04/2011  Garibaldi si racconta
10/03/2011  Perche' mio figlio e' sovrappeso?
26/01/2011  La storia dell'universo raccontata da un atomo
30/12/2010  La cucina e' il 'mondo di azzurra'
24/12/2010  L'archeologia diventa gioco
30/11/2010  Ascoltalo e proteggilo
17/11/2010  Amico dentista
30/09/2010  Regala a una bambina una vita libera
16/09/2010  Piccoli libri per bimbi speciali
14/06/2010  Manovre di Disostruzione
07/05/2010  Sostieni una mamma, sostieni il suo futuro
11/02/2010  La salute dell'adulto comincia dal bambino
05/12/2009  TV e PC: pericoli moderni
22/05/2009  Le avventure notturne dei bimbi
07/04/2009  Pappa e felicita'
04/03/2009  Il miglior amico dei bambini
19/02/2009  Insegnare ai bimbi a giocare da soli
29/01/2009  Acetone: i miti da sfatare e i veri rimedi
22/01/2009  Vaccino per il Papilloma. I dubbi di ogni genitore ...
03/11/2008  PREZIOSA VITAMINA D
14/04/2008  CRESCERE IN TRANQUILLITA'
16/02/2008  Nati per leggere
13/11/2007  Diventiamo genitori 'competenti'
26/05/2007  Il pediatra dei nostri sogni č...americano!