IL BAMBINO
 
 
Pappa e felicita'
Consigli per nutrire i bimbi aiutandoli
a costruire un sano rapporto
con il proprio corpo e la propria personalita'

 Nutrire un bambino non significa semplicemente offrirgli del cibo ma è un modo per entrare in comunicazione con lui. Numerosi studi hanno dimostrato che l’alimentazione, fin dai primissimi anni di vita, rappresenta un momento fondamentale nella vita della persona. E’ proprio nell’atto del nutrire, che vede come protagonisti la mamma (o il papà) e il bambino, che si instaurano le primissime modalità di interazione caratteristiche della coppia genitore/figlio.

Durante il primo periodo di vita mamma e bébé cominciano a conoscersi e a cercare di sincronizzare i reciproci bisogni. Il piccolo comincia a percepire la presenza e il ruolo della mamma, come distinta da tutti gli altri, e poi a identificare e a distinguere i propri bisogni e ritmi personali. E’ anche così che il cucciolo fa i primi passi alla scoperta della propria personalità.

Se la mamma riesce a riconoscere nel modo giusto le diverse esigenze del bambino, e in particolare gli propone il cibo solo quando necessario,  il piccolo cresce in grado di differenziare ed esprimere distintamente i suoi bisogni. Le mamme imparano così ad essere sensibili ai segnali di fame del proprio bimbo, instaurando un legame di attaccamento che permette al bebé di scoprire la giusta differenza tra sensazione di fame e la pace della sazietà. Questo percorso non sempre è lineare e privo di ostacoli.

A volte, soprattutto nel delicato periodo dello svezzamento, può succedere che ci siano delle difficoltà, ovvero che il bambino rifiuti di mangiare. Così il momento della pasto può diventare una vera e propria battaglia. E più il genitore insiste nel proporre la pappa, più il bambino mette in atto comportamenti di rifiuto del cibo: non apre la bocca quando gli viene offerto oppure sputa e si arrabbia. E’ necessario affrontare questo momento armandosi di una buona dose di pazienza e flessibilità, senza eccessiva ansia e preoccupazione, che possono interferire nel processo di autonomia e di crescita del bambino in questa fase di sviluppo.

In generale è bene tenere presente alcuni semplici accorgimenti:

  • durante il pasto far assumere al bambino una posizione comoda e adeguata all’età;
  • organizzare il pasto in un ambiente privo di stimoli esterni che potrebbero distrarre il bebé (ad esempio NO alla tv accesa);
  • rispettare in maniera abbastanza regolare gli orari del pranzo e della cena (il rispetto delle abitudini è fondamentale);
  • considerare il momento del pasto come un momento di condivisione e di scambio reciproco, da parte della mamma e del bambino, senza attribuire al cibo troppo significato, ovvero non utilizzare la pappa come un premio o una punizione a seconda del comportamento del bambino. Il cibo deve essere legato solamente alla sensazione di fame;
  • proporre pasti dai gusti differenti, anche per invogliare il bimbo ad assaggiare di tutto (spesso anche qualcosa di simile a quello che mangiano i genitori);
  • diversificare l’offerta favorendo lo sviluppo del proprio gusto personale;
  • coinvolgere attivamente i bambini anche piccoli nella preparazione dei pasti.
  • appena possibile far sedere a tavola, con il seggiolone, i bimbi in compagnia dei genitori. Condividere il pasto è un momento di grande intimità e di unione familiare. Che trasmette al bambino serenità e forza.

Silvia Zaghen

Psicologa

Crema

 

07/04/2009




 
 
I VOSTRI COMMENTI - 'PER COMMENTARE L'ARTICOLO CLICCA QUI'
  LELLA DI CREMA - CATEGORIA: MAMMA
E POI LASCIAMOLI TOCCARE, SPERIMENTARE, PORTARE ALLA BOCCA DA SOLI IL CIBO! ANCHE SE SI SPORCANO! NON GIOCARE E BUTTARLO VIA PERÒ. MA IMPARARE A GUSTARLO DA SOLI, PROVANDO ANCHE LA SENSAZIONE DEL TATTO E DELL'OLFATTO, OLTRE A QUELLA DEL GUSTO...E LA GIOIA DELL'AUTONOMIA! C'È UN ASILO A CASTELLEONE, STUPENDO, CHE INSEGNA AI PICCOLISSIMI A SERVIRSI DA SOLI GARANTENDOGLI PERÒ UN CONTESTO MOLTO TRANQUILLO DOVE MANGIARE E CONDIVIDERE QUESTO MOMENTO AIUTANDOSI A VICENDA
 
   ARCHIVIO ARTICOLI
 
 
11/06/2016  www.babyinviaggio.it
22/09/2015  TV E BAMBINI
08/05/2015  POCHE ORE DI SOLE, TANTA SALUTE
05/03/2014  ATTENZIONE AI MAGNETI
30/01/2014  Cuciniamo per gli uccellini?
08/09/2013  Le brutte sorprese del ritorno a scuola
01/07/2013  ESTATE PRUDENTE
27/04/2013  Allergie nei bambini e negli adulti
17/12/2012  Il pomeriggio dei piccoli 'scolari'
01/11/2012  Pettiniamo i pidocchi!
24/10/2012  Disturbi del linguaggio
27/08/2012  Zaini piu' leggeri
30/04/2012  ETCIU'! E' PRIMAVERA
18/02/2012  FREDDO INTENSO, GELO E NEVE
16/01/2012  Alimentazione giusta per crescere sani
28/12/2011  UNA CASA ACCOGLIENZA PER MAMME E BAMBINI A KABUL
24/11/2011  Psicomotricita': spieghiamoci meglio
04/08/2011  Dal Blog di una maestra
14/06/2011  La culla
18/04/2011  Il succhiotto: il piu' caro amico dei piccoli
14/04/2011  Garibaldi si racconta
10/03/2011  Perche' mio figlio e' sovrappeso?
26/01/2011  La storia dell'universo raccontata da un atomo
30/12/2010  La cucina e' il 'mondo di azzurra'
24/12/2010  L'archeologia diventa gioco
30/11/2010  Ascoltalo e proteggilo
17/11/2010  Amico dentista
30/09/2010  Regala a una bambina una vita libera
16/09/2010  Piccoli libri per bimbi speciali
14/06/2010  Manovre di Disostruzione
07/05/2010  Sostieni una mamma, sostieni il suo futuro
11/02/2010  La salute dell'adulto comincia dal bambino
05/12/2009  TV e PC: pericoli moderni
22/05/2009  Le avventure notturne dei bimbi
07/04/2009  Pappa e felicita'
04/03/2009  Il miglior amico dei bambini
19/02/2009  Insegnare ai bimbi a giocare da soli
29/01/2009  Acetone: i miti da sfatare e i veri rimedi
22/01/2009  Vaccino per il Papilloma. I dubbi di ogni genitore ...
03/11/2008  PREZIOSA VITAMINA D
14/04/2008  CRESCERE IN TRANQUILLITA'
16/02/2008  Nati per leggere
13/11/2007  Diventiamo genitori 'competenti'
26/05/2007  Il pediatra dei nostri sogni è...americano!