IL BAMBINO
 
 
POCHE ORE DI SOLE, TANTA SALUTE
Attenzione ai tempi di esposizione dei piccoli sia al mare sia in montagna. Ecco come proteggerli per salvaguardare al meglio il loro futuro genetico

"Non c'è più il sole di una volta" dicono oggi le nonne.
Niente di più vero. Ma anche le mamme sono cambiate.
Ora si sa che non si possono esporre al sole i bambini senza rischi per la loro salute. Eppure non basta.
Anche le creme non completano la protezione necessaria dal punto di vista genetico. Un bambino che si arrossa troppo (la classica scottatura) i primi giorni di esposizione, che sia al mare o in montagna, spende parte dei suoi crediti protettivi verso un invecchiamento precoce (rughe) o verso il rischio cancro. Ne abbiamo parlato con il Professor Marcello Monti, titolare della cattedra di Dermatologia all'Università di Milano.

Dunque prof. Monti, non ci si può più fidare neanche delle creme solari?
Bisogna precisare che ne esistono in commercio due tipologie: quelle che contengono filtri chimici che assorbono i raggi dannosi e quelle che contengono schermi fisici, ossidi di minerali che riflettono i raggi (le migliori per la pelle delicata dei bimbi).
Per definire la potenza di una crema è stato identificato il fattore di protezione solare (SPF) espresso da un numero: tanto più alto è il numero, tanto le creme dovrebbero proteggerci dal rischio eritemi.
Il punto cruciale è questo: le creme, è vero, non ci fanno scottare e quindi possiamo restare al sole per più tempo. In termini di godimento dell’estate è un passo avanti ma in termini di danneggiamento della cute è un passo indietro.
Da poco si è capito infatti che le creme solari proteggono poco contro i raggi UVA quelli che causano prima l’invecchiamento della pelle e poi i tumori. Se utilizziamo quindi le creme solari per rimanere di più al sole sbagliamo.

In questo contesto cosa c'entra la genetica?
I raggi luminosi del sole sono energia elettromagnetica e la banda dei raggi UV danneggia il DNA presente nel nucleo delle cellule dell’epidermide.
Un’esposizione equivale a un danneggiamento della catena del DNA che per un certo numero di volte si ricostituisce. Ma le continue esposizioni riducono le possibilità di riparazione del patrimonio genetico della cellula.
Ciò significa che c’è un limite, appunto, alle ore di esposizione al sole e tanto più siamo prudenti in giovane età, tanto più avremo margini da adulti o da anziani. E’ una sorta di corsa al risparmio.

Dunque tempo di esposizione limitato prima di tutto. Quali sono gli altri accorgimenti da non dimenticare?
E' importante sapere che le creme solari non devono sostituire gli altri mezzi di protezione: magliette, cappelli, occhiali, ma soprattutto zone d’ombra. Le creme vanno benissimo se non è possibile proteggerci con altri mezzi. In altre parole usiamole se dobbiamo fare una passeggiata in montagna o una gita in barca ma è più salutare diminuire il tempo che stiamo sotto il sole piuttosto che spalmarci in continuazione. I bambini dovrebbero mangiare tanta frutta, bere spesso, giocare all'ombra e non esporsi assolutamente tra le 11 e le 17.
E attenzione anche durante i viaggi in macchina! Schermate i bambini perchè i raggi UV dannosi penetrano dai vetri e, non provocando arrossamento della pelle, vengono per questo sottovalutati.
Stessi accorgimenti per gli adulti con pelle chiara o capelli rossi.

Albachiara

08/05/2015




 
 
I VOSTRI COMMENTI - 'PER COMMENTARE L'ARTICOLO CLICCA QUI'
NESSUN COMMENTO
 
   ARCHIVIO ARTICOLI
 
 
11/06/2016  www.babyinviaggio.it
22/09/2015  TV E BAMBINI
08/05/2015  POCHE ORE DI SOLE, TANTA SALUTE
05/03/2014  ATTENZIONE AI MAGNETI
30/01/2014  Cuciniamo per gli uccellini?
08/09/2013  Le brutte sorprese del ritorno a scuola
01/07/2013  ESTATE PRUDENTE
27/04/2013  Allergie nei bambini e negli adulti
17/12/2012  Il pomeriggio dei piccoli 'scolari'
01/11/2012  Pettiniamo i pidocchi!
24/10/2012  Disturbi del linguaggio
27/08/2012  Zaini piu' leggeri
30/04/2012  ETCIU'! E' PRIMAVERA
18/02/2012  FREDDO INTENSO, GELO E NEVE
16/01/2012  Alimentazione giusta per crescere sani
28/12/2011  UNA CASA ACCOGLIENZA PER MAMME E BAMBINI A KABUL
24/11/2011  Psicomotricita': spieghiamoci meglio
04/08/2011  Dal Blog di una maestra
14/06/2011  La culla
18/04/2011  Il succhiotto: il piu' caro amico dei piccoli
14/04/2011  Garibaldi si racconta
10/03/2011  Perche' mio figlio e' sovrappeso?
26/01/2011  La storia dell'universo raccontata da un atomo
30/12/2010  La cucina e' il 'mondo di azzurra'
24/12/2010  L'archeologia diventa gioco
30/11/2010  Ascoltalo e proteggilo
17/11/2010  Amico dentista
30/09/2010  Regala a una bambina una vita libera
16/09/2010  Piccoli libri per bimbi speciali
14/06/2010  Manovre di Disostruzione
07/05/2010  Sostieni una mamma, sostieni il suo futuro
11/02/2010  La salute dell'adulto comincia dal bambino
05/12/2009  TV e PC: pericoli moderni
22/05/2009  Le avventure notturne dei bimbi
07/04/2009  Pappa e felicita'
04/03/2009  Il miglior amico dei bambini
19/02/2009  Insegnare ai bimbi a giocare da soli
29/01/2009  Acetone: i miti da sfatare e i veri rimedi
22/01/2009  Vaccino per il Papilloma. I dubbi di ogni genitore ...
03/11/2008  PREZIOSA VITAMINA D
14/04/2008  CRESCERE IN TRANQUILLITA'
16/02/2008  Nati per leggere
13/11/2007  Diventiamo genitori 'competenti'
26/05/2007  Il pediatra dei nostri sogni č...americano!