IL BAMBINO
 
 
Insegnare ai bimbi a giocare da soli
Fin da piccoli č importante che sappiano divertirsi anche senza gli adulti a disposizione

Molti genitori si sentono in colpa nel vedere il proprio figlio di un anno che, seduto sul pavimento, non fa nient’altro se non osservare una mosca sulla parete. “È ora di occuparsi di lui/lei”, suggerisce il loro grillo parlante. Ma così facendo rovinano al bimbo il piacere legato alla scoperta del fenomeno “mosca domestica”.

Già dal terzo o quarto mese di vita del bambino le madri e i padri possono (e dovrebbero) incoraggiare il gioco autonomo

 Inoltre il piccolo non sta soltanto osservando il buffo animaletto: sta infatti rafforzando la sua autostima, divertendosi indipendentemente dalla presenza di un adulto al suo fianco e sta esercitando la sua capacità di concentrazione, un presupposto importante per il futuro successo scolastico.

Già dal terzo o quarto mese di vita del bambino i genitori possono (e dovrebbero) incoraggiare il gioco autonomo. Ecco le sei regole d'oro.

1) Non intromettersi

Se il tuo bambino è già in grado di “tenersi occupato” da solo, fai il possibile per non disturbarlo. Ciò vale per i più grandicelli, ma anche per i più piccini. Molti neonati subito dopo il risveglio se ne stanno per un po’ tranquilli nel lettino, giocando con le manine o emettendo mugolii. Questi momenti in cui il bambino basta a se stesso sono l’inizio del gioco autonomo. Il consiglio: puoi prolungare questa fase appoggiando sul lettino o fissando alla sponda sonaglini colorati, un piccolo specchio, campanelle o animali in peluche.

2) Ambiente stimolante

Se il bambino è sdraiato ad es. su una coperta, mettigli dei giocattoli a portata di mano. I bimbi che gattonano e quelli che già camminano hanno bisogno di un ambiente sicuro e stimolante, magari con qualche cuscino per arrampicarsi e oggetti da impilare o scomporre. Il consiglio: offri questi giocattoli solo quando il bambino gioca da solo, poi mettili via; in questo modo l’interesse aumenta.

3) Sempre la stessa routine

I bambini piccoli riescono ad assumere meglio un proprio ritmo di gioco se hanno l’opportunità di starsene regolarmente un po’ da soli. L’ideale sono momenti di gioco prestabiliti (una o due volte al giorno). Crea un’atmosfera tranquilla, senza televisione accesa o senza la distrazione delle voci provenienti dalla radio in sottofondo. Il consiglio: tuo figlio non gioca da solo? Inizia a giocare anche tu (ma non con lui) e, appena si “immerge” nel suo gioco, dedicati a un’altra attività.

4) Fuori dalla stanza

Giocare da soli significa continuare a farlo anche se il genitore esce dalla stanza per qualche minuto. Puoi abituare il bimbo a partire dal quarto mese di vita: scegli un momento in cui il piccolo è affascinato da qualcosa e lascia la stanza. Prolunga la tua assenza gradualmente. Il consiglio: se a tuo figlio non piace rimanere da solo, esercitati con lui. Avvertilo ad es. che devi andare un attimo in cucina, in bagno ecc. e da lì mantieni comunque il contatto vocale.

5) Interventi a piccole dosi

La palla rotola via, i cubetti non restano impilati: ci sono continuamente situazioni in cui sembra che il piccolo abbia bisogno di aiuto. Non precipitarti da lui, aspetta qualche istante. Forse riesce a risolvere da solo il problema. Il consiglio: a volte basta anche un piccolo incoraggiamento, ad es. la domanda: “Cosa puoi ancora fare con la palla?” E il piccolo ricomincia a giocare da solo.

6) Mezz'ora scaduta

Tutti i bambini possono imparare a giocare da soli. Ma il tempo in cui lo fanno dipende anche dalla loro indole. Di solito i bambini con meno di un anno se ne stanno tranquilli da soli per cinque-dieci minuti, quelli da uno a tre anni da 15 a 30 minuti. L’importante è comunque rimanere nelle vicinanze.

tratto da www.nostrofiglio.it

 

19/02/2009




 
 
I VOSTRI COMMENTI - 'PER COMMENTARE L'ARTICOLO CLICCA QUI'
NESSUN COMMENTO
 
   ARCHIVIO ARTICOLI
 
 
11/06/2016  www.babyinviaggio.it
22/09/2015  TV E BAMBINI
08/05/2015  POCHE ORE DI SOLE, TANTA SALUTE
05/03/2014  ATTENZIONE AI MAGNETI
30/01/2014  Cuciniamo per gli uccellini?
08/09/2013  Le brutte sorprese del ritorno a scuola
01/07/2013  ESTATE PRUDENTE
27/04/2013  Allergie nei bambini e negli adulti
17/12/2012  Il pomeriggio dei piccoli 'scolari'
01/11/2012  Pettiniamo i pidocchi!
24/10/2012  Disturbi del linguaggio
27/08/2012  Zaini piu' leggeri
30/04/2012  ETCIU'! E' PRIMAVERA
18/02/2012  FREDDO INTENSO, GELO E NEVE
16/01/2012  Alimentazione giusta per crescere sani
28/12/2011  UNA CASA ACCOGLIENZA PER MAMME E BAMBINI A KABUL
24/11/2011  Psicomotricita': spieghiamoci meglio
04/08/2011  Dal Blog di una maestra
14/06/2011  La culla
18/04/2011  Il succhiotto: il piu' caro amico dei piccoli
14/04/2011  Garibaldi si racconta
10/03/2011  Perche' mio figlio e' sovrappeso?
26/01/2011  La storia dell'universo raccontata da un atomo
30/12/2010  La cucina e' il 'mondo di azzurra'
24/12/2010  L'archeologia diventa gioco
30/11/2010  Ascoltalo e proteggilo
17/11/2010  Amico dentista
30/09/2010  Regala a una bambina una vita libera
16/09/2010  Piccoli libri per bimbi speciali
14/06/2010  Manovre di Disostruzione
07/05/2010  Sostieni una mamma, sostieni il suo futuro
11/02/2010  La salute dell'adulto comincia dal bambino
05/12/2009  TV e PC: pericoli moderni
22/05/2009  Le avventure notturne dei bimbi
07/04/2009  Pappa e felicita'
04/03/2009  Il miglior amico dei bambini
19/02/2009  Insegnare ai bimbi a giocare da soli
29/01/2009  Acetone: i miti da sfatare e i veri rimedi
22/01/2009  Vaccino per il Papilloma. I dubbi di ogni genitore ...
03/11/2008  PREZIOSA VITAMINA D
14/04/2008  CRESCERE IN TRANQUILLITA'
16/02/2008  Nati per leggere
13/11/2007  Diventiamo genitori 'competenti'
26/05/2007  Il pediatra dei nostri sogni č...americano!